"Ad un mondo migliore si contribuisce soltanto facendo il bene adesso ed in prima persona, con passione e ovunque ce ne sia la possibilità".Benedetto XVI : Deus caritas est

martedì 12 giugno 2018

Kagame a JA chiarisce su rimpatrio migranti di Israele e chiusura di strutture religiose


 La copertina dell'ultimo numero di JA
Nella sua recente intervista a Jeune Afrique, il presidente ruandese Paul Kagame oltre a trattare diversi argomenti come i rapporti con la Francia e con l'Organizzazione internazionale della Francofonia, la riforma dell'Unione Africana, le situazioni del Burundi e della Repubblica democratica del Congo, ha sottolineato con forza la necessità per l'Africa di affrancarsi dalla tutela internazionale per cominciare marciare con le proprie gambe."Meno il mondo si preoccupa di noi, più diventiamo capaci di prenderci cura di noi stessi. Dobbiamo capire- ha detto Kagame- che il tempo di avere delle babysitter è finito e che non ci svilupperemo mai finché sentiamo un bisogno senza fine per le babysitter europee, americane, asiatiche o di altro tipo. Soprattutto perché queste babysitter implica sempre una forma mascherata di paternalismo". Interessanti sono anche le risposte su due questioni che  sono assurte di recente all'onore della cronaca: l'accordo con Israele sul rimpatrio dei migranti africani e la chiusura di centinaia di strutture religiose in Rwanda.
Jeune Afrique: Ci sono stati molti rapporti sui media su un possibile accordo segreto tra il Rwanda e l'Uganda, da una parte, e Israele, dall'altra, per il trasferimento oneroso al vostro paese di migranti africani di cui Israele voleva liberarsi, prima che la Corte Suprema israelina costringesse  il governo di Benjamin Netanyahu a fermarlo. Cosa ne pensa di questo caso? 
Kagame: È semplice e chiaro Da un lato, i nostri rapporti con Israele sono eccellenti; dall'altra, il Rwanda è stato il primo paese che ha deciso di concedere il visto all'arrivo a tutti i cittadini africani. In questo contesto, la discussione che abbiamo avuto con i funzionari israeliani è stata la seguente: se volevano - per ragioni che riguardano solo loro - espellere i migranti africani, il Rwanda era disponibile a ospitare alcuni di loro, invece di vederli affogare nel Mediterraneo, essere venduti come schiavi in ​​Libia o abbandonati nel deserto del Sinai. Questi migranti avrebbero potuto rimanere temporaneamente in Rwanda, trovare un altro paese ospitante, tornare nei loro paesi d'origine o stabilirsi qui in modo permanente. L'intero processo doveva essere eseguito nel rigoroso rispetto della legge umanitaria internazionale, e non vi è mai stata altra condizione finanziaria per Israele del normale costo della movimentazione dei trasporti e della creazione dell'infrastruttura per ricevere quei rifugiati. La controversia che ha avuto luogo è stata puramente interna a Israele, tra coloro che hanno sostenuto l'espulsione e coloro che si sono opposti con successo a esso. Non eravamo assolutamente coinvolti in questo. Immaginare che il Rwanda abbia cercato di fare soldi sulla schiena della miseria umana è un'assurdità e un insulto.
Jeune Afrique:Tre mesi fa, il suo governo ha chiuso un migliaio di chiese del risveglio e un centinaio di moschee in tutto il Rwanda. Ha dichiarato guerra alla religione?
Kagame: Certamente no. Il problema è il seguente: in primo luogo, il numero. Anche se solo a Kigali sono stati chiusi 700 luoghi di culto, ce ne sono altri ancora aperti. Sono ovviamente troppi. La libertà di culto non dovrebbe portare a tale eccesso. Inoltre, vi sono continue lamentele da parte dei residenti circa l'inquinamento acustico proveniente da quelle chiese giorno e notte, nonché la questione della sicurezza per i residenti causata da chiese che non rispettano gli standard. Infine, numerosi casi di estorsione di fondi, racket, crisi familiari causate da attività di pastori estorsori. Era necessario mettere ordine in quella proliferazione di chiese e sostenere regole che regolassero il loro insediamento e funzionamento. Questo è quello che abbiamo fatto.

Nessun commento: