"Ad un mondo migliore si contribuisce soltanto facendo il bene adesso ed in prima persona, con passione e ovunque ce ne sia la possibilità".Benedetto XVI : Deus caritas est

venerdì 28 luglio 2017

Intervista alla superiora delle clarisse di Kamonyi

L'agenzia AciStampa dedica un suo lancio alle clarisse di Kamonyi.Il pezzo, a firma Simone Baroncia, ripercorre la storia della presenza della clarisse in Rwanda così come da noi descritta in un precedente post ed e' arricchito da una interessante intervista alla responsabile della comunita' di Kamonyi che qui di seguito riportiamo.
"Alla madre superiora, suor Maria Letizia Mukampabuka, abbiamo chiesto di raccontarci il ruolo delle consacrate nella Chiesa africana: “Le persone consacrate hanno una forte attività nei Paesi africani, i quali sono ancora in via di sviluppo. Qui in Rwanda come altrove le persone consacrate si occupano di una grande parte dell’educazione nelle scuole a tutti i livelli a anche le Istituzioni di qualche Università Cattolica. Le Consacrate hanno anche un posto molto importante nei settori dalla salute (sanità): ospedali, ambulatori, pronto soccorso. Sia fisico, psichico, morale. In questi settori, le Consacrate trovano modo di Evangelizzare e promuovere azioni di Pace, di Giustizia e l’armonia tra i popoli”.
Come si vive la fede cattolica in Rwanda?
“La Vita Contemplativa è come il motore che attiva dal di dentro tutte queste attività, dandole un’immagine di vita eterna. Attraverso creature chiamate a una vita di preghiera, di lode e di adorazione. Così l’opera dell’uomo si trasfigura e va al di là del visibile e umano per rispondere ai desideri di Dio Creatore e Padre e soprattutto accogliere i suoi disegni d’Amore per l’Uomo, figlio prediletto e il creato in genere. Certo, tutto dipende della fede, comunque si potrebbe dire che il popolo Rwandese risponde abbastanza bene a questi valori, testimoniando nella vita, momenti di riconciliazione e azioni di unità. Tutto questo lo si può attingere da una vita di Preghiera, incoraggiata anche da modelli Evangelici”.
In cosa consiste la costruzione di un nuovo monastero?
“Ecco il motivo della costruzione di un nuovo monastero, perché è in se stesso un centro di preghiera che diventa Faro che attira l’attenzione dell’uomo che cerca di Dio. Gesù ha detto: ‘Non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni Parola che esce dalla bocca di Dio’ (Mt 4,4). L’uomo è un affamato di Dio che spesso lo cerca là, dove non è. Il Monastero è come una sorgente dove Dio versa tantissime Grazie per tutti coloro che lo avvicinano e si sentono nutriti e dissetati da Lui. Lavita monastica contemplativa è una forza misteriosa che raggiunge l’anima e il cuore di ogni uomo di buona volontà. Nel monastero vivono creature donate ‘a Dio solo’, gratuitamente per tutta l’umanità. Le clarisse vivono la forma di vita di santa Chiara di Assisi, professando i consigli evangelici e la clausura, adorando la santa Eucaristia e la lode notte e giorno, pregando e supplicando il Signore per tutti coloro che desiderano conoscere più profondamente il Signore aiutandoli ad ‘migliorare la propria vita. Le sorelle vivono in fraternità e lavorando con le proprie mani per la sussistenza ordinaria e si accontentano di una vita semplice e modesta. accogliendo anche le giovani che desiderano vivere la forma di vita di Santa Chiara di Assisi”.
Il vostro monastero ha un legame con il monastero di Matelica: come è nato tale legame?
“Riguardo al legame con il monastero della beata Mattia a Matelica, esso è cominciato nel 2010 quando il Provinciale OFM, padre Vincenzo Brocanelli, e la comunità della beata Mattia ci hanno lanciato una sfida facendoci domanda di un gruppetto di sorelle del monastero di Kamonyi, per rivitalizzare il monastero della beata Mattia a Matelica, dopo una buona riflessione e gli accordi previsti. Quindi tre sorelle rwandesi ed una sorella italiana si sono unite con altre due sorelle italiane, una del monastero di Pollenza e una del monastero di Città della Pieve per formare un gruppo di aiuto legale, guidate anche da uno statuto. Sin da quel momento le sorelle hanno perseverato dandosi con amore a quel progetto e sembra che porti frutto. Un grande sollievo è per le Sorelle anziane assistite amorevolmente dalle più giovani e una nuova vitalità per la preghiera e le diverse attività del monastero. Ora cominciano a ricevere anche qualche nuova vocazione. Con la Grazia di Dio si spera in un futuro.

Nessun commento: